“L’Amore” di Mario Delitala (1926)

L'Amore di Mario Delitala 1924

Per caso in una casa al mare mi è apparso un quadro di un uomo e una donna che si guardano teneramente negli occhi. Sotto a destra la firma “mdelitala 926”.  Il quadro era la riproduzione dell’opera del pittore oranese Mario Delitala.

L’originale si trova nella sala del Consiglio Comunale di Nuoro

Nel 1923 l’Amministrazione Comunale di Nuoro decide di procedere alla decorazione e all’arredamento della Sala del Consiglio e della Sala Giunta, con la procedura del contratto a licitazione privata, specificando che tutto l’ambiente doveva essere in “stile sardo”.
Nel gennaio del 1924 viene prescelto dalla giuria il progetto di Mario Delitala che prevedeva quattro “pannelli” sulle porte antistanti il corridoio d’ingresso e una decorazione a tempera del soffitto e delle pareti, eseguita da Filippo Carossino su suo disegno. L’artista si accinge subito all’opera e a metà giugno terminò le lunette con L’Amore, La famiglia, La patria, La fede, datate dall’artista 1926 al completamento della decorazione della Sala.
Mario Delitala (Orani, 16 settembre 1887 – Sassari, 28 agosto 1990). Pittore, incisore, mosaicista, acquafortista di valore. Esiste un inventario esatto delle sue opere disperse fra collezioni pubbliche e private in ogni parte d’Italia.
Era figlio di Bardilio Delitala, medico condotto e di Adelaide Corti. È considerato come uno dei più grandi incisori italiani del Novecento. Dopo aver frequentato le scuole primarie nel suo paese natale, proseguì gli studi a Sassari dove ottenne il diploma di ragioniere. Per tre anni visse a Milano lavorando nel settore amministrativo della ditta Duchesne e nello stesso tempo frequentando il Corso Superiore di Disegno litografico. Nel 1911 ritorna ad Orani dove realizza due opere per il Municipio. Nel 1912 si trasferisce a Cagliari. Nel capoluogo della regione conosce altri artisti a lui contemporanei come Francesco Ciusa, Filippo Figari, Remo Branca. Nel 1915 fa parte dei soldati che allo scoppio del conflitto mondiale, partirono per i fronte. Nel dopoguerra si fermò a Venezia dove completò la sua formazione. Tornato in Sardegna nel 1922 diede avvio al periodo più fecondo della sua produzione dipingendo l’aula del Comune di Nuoro nel 1926, eseguendo gli affreschi nel Duomo di Lanusei tra il 1927 ed il 1931, lavorando a Sassari e in tante altre località isolane. Nel 1935 vinse il Premio della Regina, ex aequo con Stanis Dessy.
Morì nel 1990 all’età di 103 anni. Le sue spoglie riposano nel cimitero della sua Orani.

Scrive Maria Luisa Frongia nel blog “Le vie della Sardegna”: Ormai non pare dubbio che Mario Delitala, dopo recenti indagini, vada considerato una delle figure più rappresentative nel panorama dell’arte in Sardegna del secolo scorso. Questa posizione di primo piano è assicurata da diversi aspetti che contribuiscono a definire la sua figura e a darle una personalissima connotazione. Importante è la sua grande versatilità nell’operare artistico, sempre coadiuvata da lunghi studi e ricerche approfondite. È stato un grande pittore, attratto soprattutto da due soggetti che lo accompagneranno per tutta la vita: la sua Sardegna, che egli ha trovato ancora immersa nel prediletto paesaggio e nei luoghi incontaminati della Barbagia, e la figura umana, il ritratto, che ha costituito una delle sue note preferite.  Un altro aspetto importante del suo fare artistico è determinato dai lunghi soggiorni nella Penisola, i quali hanno contribuito in modo decisivo alla sua formazione: quello di Milano nel 1907-11, di Venezia nel 1920-23, di Urbino nel 1934-42, di Palermo nel 1949-61, oltre ad un breve soggiorno in Africa, a Bengasi, nel 1930-31.  È stato inoltre impegnato a lungo come decoratore di grandi edifici pubblici e privati: in particolare le opere eseguite a Nuoro per l’Aula Consiliare, e a Sassari per l’Aula Magna dell’Università e per quella del Liceo Azuni”.

Fonti:

La straordinaria arte pittorica di Mario Delitala: una galleria

http://www.leviedellasardegna.eu/mario_delitala.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...